The Supreme Court

Supreme Court Report – Considerations

The judgment of the Supreme Court is final.  If the judges of the Supreme Court want to be fair, they must issue judgments that are intelligent and detailed.

In our case, what the judges have written contains numerous errors — or what might be referred to more precisely as numerous “horrors.”

The judges’ report seems to suggest that in a criminal trial in Italy the role of the defense is, at best, marginal.  In fact, throughout the Supreme Court Report, nothing is said concerning the contributions of the defense in search of the truth in this case.  The contributions of the defense consultants have been completely ignored, as if they never existed.

The most obvious “horrors” are:

It is not true, in the case of the bra-clasp DNA, that the designated expert ever claimed that DNA from the crime scene showed a mixed DNA profile specifically of Raffaele Sollecito.  The expert said that because it was a mixed sample and not identical with different alleles for each of the 17 profile loci, a DNA profile of anyone could be found in the sample, even that of the President of the Court, if it were available for comparison.

It is not true that in the sample there was a Y chromosome that corresponded only to Raffaele Sollecito. At least two other Y chromosomes were found, but it was not possible to identify them because there were no available profiles for comparison.  Neither of the two corresponded to those of the convicted murderer, Rudy Guede.  Hence, the other 2 contributors are still unknown.

It is not true, in the case of the knife DNA, that the trace of DNA isolated by the Office of Experts was located close to the point where the biologists of the Scientific Police had found small traces of DNA, which they then attributed to the victim, Meredith Kercher.  This sample was in fact in the graft of the blade into the handle, the area where organic and inorganic materials are most likely to be found, and from which the Scientific Police inexplicably had not done any sampling.  This is the reason the Office of Inspectors asked to disassemble the knife, a request that was denied by the Court of Appeals, possibly because of the firm and seemingly unreasonable opposition by the General Prosecutor of Perugia and the Civil Parts.

It is not true that designated expert Professor Carla Vecchiotti decided alone and as an individual not to comply with the instructions of the Court of Appeal by not proceeding with the analysis of this trace of possible DNA.  Dr. Vecchiotti, in a meeting with all of the official consultants of all parties, including Professor Giuseppe Novelli and Dr. Patrizia Stefanoni, clearly expressed her intention not to proceed with the analysis.  Vecchiotti’s reasons included the inability to carry out a second amplification of the sample based on its extremely small size and limited quantity.   On the occasion of the meeting, all parties agreed with the Appeal Court’s Expert, and put their signatures on the analysis document with no further objections.

It is not true that the house where the crime was committed remained protected by police seals between the first visit and the visit when the bra clasp was allegedly acquired.  On the contrary, in the 46 days following the discovery of the crime, at least three different searches were conducted, one of which was not even documented by police.  Hence, no one can know who or how many people may have entered the house over the course of the 46-day interval.  During this time, the contents of the house were moved and removed to the extent that the bra clasp eventually was found in a location entirely different from where it had been photographed immediately after the crime.   As the bra clasp allegedly was found the second time in a floor mat that was balled up under the murder victim’s desk, it is reasonable to conclude that during the 46 days, it had been moved around the house many times, perhaps even under the feet of the people who participated in the searches.

It is not true, in the case of the broken window, that the fragments of glass in Filomena Romanelli’s room were on top the clothing that lay on the floor.  Rather, all fragments of glass were on the floor, on a mat next to the bed and next to the clothing, as evidenced by the numerous photos and videos made by the Scientific Police in Rome during the first day of the first inspection, before there was any alteration of the crime scene.

It is not true that convicted killer Rudy Guede had no wounds on his right hand.   Photographs taken by German police shortly after Guede’s arrest in Germany a week after the crime show superficial wounds in the process of healing, on the palmar surface of Guede’s fingers.

It is not true that on the morning of November 2nd Amanda made a single call to only one of the two cell phones in use by Meredith (as stated by the Court of 1st degree), allegedly in order to make sure that no one had yet found the phone.  As shown instead in Amanda’s phone records, Amanda made an initial call to Meredith’s Italian SIM (registered to Filomena Romanelli) at exactly 12:11:02.  Amanda then made a second call to Meredith’s English SIM, the phone Meredith used to call her parents, whose number was saved with the label HOME.  The second call was made at exactly 12:11:54, showing that Amanda called Meredith on both of her mobile phones in the hope of contacting her.

It is not true, as stated on page 70 of the judgment of the Supreme Court, that the prints of bare feet enhanced with luminol in the corridor and in Amanda’s room were made with the victim’s blood.  Luminol enhances traces of many substances in addition to blood.  All of the tests done to highlight blood in those tracks were negative.  The footprints were left with other substances, such as cleaning fluids or as bubble bath, leaving evidence that is harmless and irrelevant in assigning responsibility for the murder to Amanda.  Amanda told the Court of First Instance the same thing during her hearing: that the morning of November 2nd she went to her home, took a shower, and that immediately after the shower, she went barefoot into her room, drawing with her the bathmat, which was on the floor outside the shower.

It is not true that the mixture drawn into the bidet in the bathroom of Meredith is taken from the blood, says the Supreme Court ruling, but the report describes the scientific “hypothesis of a mixture of biological substances, containing human blood belonging to Amanda to a lesser extent  and Meredith and to a greater extent.” So you cannot say that there is the blood of Amanda.

It is not true that there is “a given assumed real point that only after midnight the phones of the victim were not clinging anymore to the antenna in via della Pergola, but clung to Via Sperandio, where they were eventually found, which meant that from the house of Via della Pergola unknown hands had tossed the phones just after midnight,” as it is written in the first-instance judgment (Massei Report), and subsequently endorsed by the Supreme Court in its judgment, on page 71.  In the trial of first instance, Sollecito’s defense carried out an analysis that evaluated both of the two phones in use by Meredith and their phone records, which contain evidence that is objective and irrefutable. The analysis shows that the last action of the two phones, one with an English SIM card and the other with an Italian SIM card, was at 22:13 on November 1st and consisted of an incoming MMS on the English SIM card.  Following this contact, which connected with the antenna in Via Sperandio, are two more calls, both made on November 2nd: the first was an incoming call to the Italian SIM card at 12:11:02, and in the direct succession a second call to the English SIM card at 12:11:54. Both of these incoming calls are exactly the two calls that Amanda made on the morning of November 2nd, in the hope of hearing Meredith.

From all what has been expressed here is one question:

HOW WOULD YOU DEFEND AN ITALIAN CITIZEN an accusation in a criminal trial, WRITE OR TELL IF A SERIOUS INACCURACIES THAT HAVE THE DIRECT CONSEQUENCE OF RUIN THE EXISTENCE OF PEOPLE AND THEIR LOVED ONES, ARE NOT OF HABITUAL CRIMINALS THAT AT A CERTAIN POINT ADDRESS THE LEGAL CAPACITY OF EMPLOYEES OF JUSTICE, REGRETTING SINCE, AS HAPPENED IN TORTORA CASE. BUT IS THE SUPREME COURT WHICH JUDGEMENT IS UNAPPEALABLE?

 CORTE DI CASSAZIONE – Considerazioni

Il giudizio di Cassazione è inappellabile e quindi ritengo sia doveroso per i Giudici di Cassazione emettere delle sentenze più oculate e circostanziate.

Nel nostro caso sono stati scritti numerosi errori, che sarebbe più giusto definire orrori: Innanzitutto è stato sancito che in un processo penale in Italia il ruolo della difesa è del tutto marginale, infatti in tutta la sentenza non c’è scritto nulla che riguarda il contributo della difesa alla ricerca della verità e men che meno l’apporto dei suoi consulenti che sono stati del tutto ignorati, come se non fossero neanche esistiti e tutto ciò, (per usare un verbo che è scritto nella sentenza) snobbando il principio del giusto processo.

Gli orrori più evidenti sono:

Non è vero che il perito d’ufficio abbia mai sostenuto che sulla traccia mista di DNA ci sia il profilo di Raffaele: ha dichiarato piuttosto che proprio perché si trattava di una traccia mista e non genuina con diversi alleli per ciascuno dei 17 loci del profilo, si poteva trovare chiunque, persino il DNA del Presidente della Corte, qualora fosse disponibile per una comparazione.

Non è vero che sulla traccia c’era solo la Y che corrispondeva a Raffaele, ma almeno altre due Y, che non è stato possibile attribuire, perché non vi erano profili disponibili per il confronto e comunque di queste altre due nessuna corrispondeva a quella del Guede. Ergo le altre 2 sono di persone ancora oggi sconosciute.

Non è vero che la traccia di DNA isolata dai Periti d’Ufficio era situata in prossimità del punto in cui la biologa della Polizia Scientifica aveva trovato l’esigua traccia di DNA, che poi ha attribuito a Meredith. Questa traccia si trovava infatti nell’innesto della lama nel manico, zona in cui più facilmente si può trovare del materiale organico e/o inorganico e sulla quale la Polizia Scientifica inspiegabilmente non ha eseguito alcun prelievo. Questa è la ragione, per cui i Periti d’Ufficio hanno chiesto di poter smontare il coltello, autorizzazione che è stata negata dalla Corte d’Appello per la ferma e, a mio parere, immotivata opposizione da parte della Procura Generale di Perugia e della parte civile.

Non è vero che il perito d’ufficio prof.ssa Vecchiotti ha deciso in perfetta solitudine e addirittura non ottemperando all’incarico ricevuto dalla Corte d’Appello di non procedere alla analisi di questa traccia di DNA: in una riunione UFFICIALE con TUTTI i consulenti di parte, a cui erano presenti il prof. NOVELLI e la dott.ssa STEFANONI ha espresso chiaramente il motivo, per il quale era sua intenzione non procedere alla analisi, per l’estrema esiguità della quantità e per l’impossibilità di procedere ad una seconda amplificazione e in quella occasione TUTTI si sono mostrati concordi con il perito d’Ufficio e non hanno fatto alcuna obbiezione, SOTTOSRIVENDO il verbale.

Non è vero che fra il primo e il secondo sopralluogo la casa è rimasta protetta dai sigilli. E’ vero piuttosto il contrario, visto che in quei 46 giorni vi sono state ben 3 perquisizioni, di cui una neanche verbalizzata, (quindi nessuno può sapere quali e quante persone sono entrate nella casa e se sono state prese delle cautele) durante le quali la casa è stata messa letteralmente a soqquadro con mobili e suppellettili smontati e portati in giro per tutta la casa, tanto è che il famoso pezzetto di stoffa con i gancetti del reggiseno era da tutt’altra parte, rispetto al primo rinvenimento e sotto un tappetino scendiletto, che a sua volta si trovava appallottolato sotto la scrivania nella stanza di Meredith, quindi

potrebbe essere tranquillamente successo che durante le 3 perquisizioni si sia fatto più volte il giro della casa sotto i piedi di qualcuna delle persone che hanno partecipato alle perquisizioni.

Non è vero che i frammenti di vetro nella stanza della Romanelli erano sopra i vestiti, ma è vero che erano TUTTI sul pavimento, su di un tappetino scendiletto a fianco del letto e SOTTO i vestiti, come dimostrano le numerose foto ed i filmati eseguiti dalla Polizia Scientifica di Roma durante il primo giorno del primo sopralluogo, quindi in un momento in cui non vi poteva essere ancora alcuna alterazione della scena del crimine. Non è vero che il Guede non aveva ferite alla mano destra: queste ferite (per quanto superficiali e in via di cicatrizzazione), sono evidenti sulla faccia palmare delle sue dita nelle foto, scattate dalla Polizia tedesca subito dopo il suo arresto in Germania il 20 novembre 2011. Solo 18 giorni dopo il delitto e non già DUE mesi dopo il delitto, come asserito dalla sentenza di Cassazione a pagina 48 e 54. Questo errore ha condotto la Corte Suprema ad avvallare la propria tesi ricostruttiva, che sostiene che, gli amici di Rudy, che lo hanno visto qualche ora dopo il delitto, non hanno notato alcuna ferita alle mani.

Non è vero che Amanda la mattina del 02 novembre effettua una sola chiamata solo su di uno del due telefoni in uso a Meredith (come asserito dalla Corte di 1° grado) per essere sicura che nessuno avesse ancora trovato i cellulari: come risulta invece sui tabulati telefonici Amanda invece effettua una PRIMA chiamata all’utenza italiana in uso a Meredith ed intestata a Filomena Romanelli esattamente alle ore12:11:02 e in diretta successione una SECONDA chiamata all’utenza inglese di Meredith, utenza con la quale era solita chiamare i genitori, tanto è che sulla sua rubrica era registrata col nome HOME. Sono esattamente le ore12:11:54 secondi. Quindi Amanda chiama Meredith su entrambi i suoi cellulari nella speranza di poterla sentire.

Non è vero, come asserito nella sentenza della Corte di Cassazione a pagina 70, che le impronte di piedi nudi, esaltate con il Luminol, nel corridoio e nella stanza di Amanda sono state impresse con il sangue della vittima, in quanto il Luminol esalta solo le tracce ematiche. E’ vero l’esatto contrario, in quanto tutti i test fatti su quelle tracce per evidenziare il sangue sono risultati NEGATIVI, quindi sono state lasciate con altra sostanza ad esempio liquidi detergenti, quali il bagnoschiuma. Questa cosa è assolutamente innocua e ininfluente al fine di riscontrare una qualsivoglia responsabilità di Amanda nell’omicidio, visto che la stessa Amanda ha riferito davanti alla Corte di primo grado durante la sua audizione, che la mattina del 02 novembre si recò a casa sua a fare una doccia e a cambiarsi e che, subito dopo averla fatta, si recò scalza nella sua stanza, trascianando il tappetino, che era ai piedi della doccia.

Non è vero che la mistura prelevata nel bidet del bagno di Meredith è tratta dal sangue, come dice la sentenza di Cassazione, ma il referto della scientifica descrive “una ipotesi di mistura di sostanze biologiche, contenenti sangue umano, appartenenti ad Amanda in misura minore e a Meredith in misura maggiore”. Quindi non si può affermare che vi sia il sangue di Amanda.

Non è vero che esiste “un dato obiettivo che attesti che solo dopo la mezzanotte i telefoni della vittima risultavano non aggrappare più la cella di via della Pergola, ma aggrapparono quella di via Sperandio, dove furono poi rinvenuti, il che significava che dalla casa di via della Pergola ignote mani li avevano allontanati solo dopo mezzanotte”

così come è scritto nella sentenza di primo grado, successivamente avvallata dalla Suprema Corte nella sentenza a pagina 71. Perché dall’analisi effettuata in primo grado dalla difesa Sollecito, che ha valutato sia la rubrica dei due telefoni in uso a Meredith, che i loro tabulati telefonici, risulta il dato oltre che obbiettivo, inconfutabile che l’ultima azione dei due telefoni, sia quello con sim inglese, che quello con sim italiana di Meredith E’ delle ore 22,13 e consiste in un MMS in entrata sulla sim inglese. Successivamente a questo MMS i primi contatti con Celle telefoniche, che impegnano tutti la cella di via Sperandio, sono: il primo una chiamata in entrata delle ore 12:11:02 sulla sim dell’utenza italiana in uso a Meredith e in diretta successione il secondo sull’utenza inglese delle ore 12:11:54. Entrambe queste chiamate in entrata sono esattamente le due chiamate che Amanda fa a Meredith la mattina del 02 novembre 2007, nella speranza di sentirla.

Da tutto quanto sin qui espresso sorge una sola domanda:

COME FA A DIFENDERSI UN CITTADINO ITALIANO DA UN’ACCUSA IN UN PROCESSO PENALE, SE A SCRIVERE O RACCONTARE GRAVISSIME INESATTEZZE, CHE HANNO LA DIRETTA CONSEGUENZA, DI ROVINARE L’ESISTENZA DELLE PERSONE E DEI LORO CARI, NON SONO DEI DELINQUENTI ABITUALI, CHE AD UN CERTO PUNTO VESTONO LA VESTE GIURIDICA DI COLLABORATORI DI GIUSTIZIA, ESSENDOSI PENTITI, COME E’ SUCCESSO NEL CASO TORTORA. MA E’ LA SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE IL CUI GIUDIZIO E’ INAPPELLABILE?

 

4 commenti su “The Supreme Court

  1. ciao raffaele mi sto organizzando per farti avere un contributo per le tue spese legale appena ne ho un po ti faro sapere mi raccomando non mollare….

  2. Do you have a spam problem on this site; I also am
    a blogger, and I was wanting to know your situation; many of
    us have developed some nice procedures and we are looking to
    trade techniques with other folks, why not shoot me an email if interested.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *